Territorio

IT

Le otto maggiori cantine della provincia di Latina, Camera di Commercio di Frosinone-Latina e Comune di Latina sono i partner fondamentali di questo progetto di sviluppo e comunicazione di esperienze e cultura del vino legato alle varietà autoctone locali.

Strada del Vino di Latina sono Cantina Villa Gianna, Cantina Sant’Andrea, Casale del Giglio, Cincinnato, Donato Giangirolami, Marco Carpineti, Pietra Pinta e Valle dell’Usignolo.

Territorio e Storia

A sud di Roma, nella provincia di Latina, si estende un territorio ricchissimo in cui convivono due anime, parallele e affascinanti. Nella zona interiore, sono presenti borghi e città antichissime, aree archeologiche preromane e romane e ruderi medievali, montagne tutte da esplorare, sia in cammino che in bicicletta, attraversati dalla Via Francigena, un nastro tra interiorità e paesaggio che unisce Roma a Gerusalemme. Nella zona di pianura, si incontra l’Agro Pontino, figlio della bonifica degli Anni Trenta del Novecento, una volta landa desolata e zona di passaggio tra Stato della Chiesa e Regno delle Due Sicilie. Simbolo di quel periodo è il razionalismo delle città di fondazione, di cui Latina rappresenta il cuore pulsante. Sulla costa, leggenda e Storia si intrecciano: poco dopo Latina, si incontra il Promontorio del Circeo, la montagna oggi Parco Nazionale che affonda sul Mar Tirreno e che la leggenda fa coincidere con l’isola su cui approdò Ulisse per salvare i compagni dalla Maga Circe. Più a ovest, l’arcipelago pontino, in cui Spinelli firmò il Manifesto dell’Europa Unita durante il proprio confino. Andando più a sud, le magnifiche coste del sud della provincia di Latina costellate da borghi, marine e spiagge splendenti.

Suolo e Clima

La provincia di Latina è un territorio dai climi multiformi, con buone escursioni termiche, e da suoli ricchi ed eterogenei. È una striscia di terra che si muove da Roma fino a Nord di Napoli, stretta a Est dalle maestose montagne degli Appennini, e aperta a Ovest al Mar Tirreno, a cui deve il proprio clima temperato e ventilato. Nelle aree interne, da nord, troviamo sia terreni vulcanici, ricchi di tufo, di terre minerali, scure, in grado di portare vini e colture rigogliose. Andando più a sud, lungo le coste dei Monti Lepini, Ausoni e Aurunci, il terreno è calcareo, meno generoso, areato, emana colori ferrosi e argillosi. L’altezza si aggira tra i quattrocento e mille metri, con montagne incantevoli, ricche di foreste, e colline coperte di uliveti antichi, terrazzamenti ereditati da millenni di Storia, e vigne a perdita d’occhio. In pianura, invece, il terreno è quello restituito in gran parte dalla Bonifica degli Anni Trenta, un terreno che prende i venti e i sapori marini, in parte sabbioso, drenato costantemente da migliaia di canali, spesso navigabili. Il sole è ben distribuito e questo dà carattere a tutte le varietà agricole presenti, mentre la presenza di venti, soprattutto lungo la zona costiera e collinare, permette il respiro dei vini e dei vigneti.

Suolo/Clima

Lorem ipsum dolor sit amet, consectet adipiscing elit sed do eiusm por incididunt ut labore et dolore

High quality materials

Lorem ipsum dolor sit amet, consectet adipiscing elit ed do eiusm por incididunt

Years of experience

Lorem ipsum dolor sit amet, consectet adipiscing elit ed do eiusm por incididunt

Attention to details

Lorem ipsum dolor sit amet, consectet adipiscing elit ed do eiusm por incididunt

Recent projects

Lorem ipsum dolor sit amet, consectet adipiscing elit sed do eiusm por incididunt ut labore et dolore

Le varietà autoctone

Le varietà autoctone della provincia di Latina sono Bellone, Malvasia Puntinata e Moscato di Terracina, uve a bacca bianca, mentre Nero Buono di Cori e Abbuoto (o vino Cecubo) sono vitigni a bacca rossa. Alcune, come il Bellone e l’Abbuoto, hanno testimonianze storiche consolidate, sia come vini rituali che vini prediletti da imperatori e poeti. Varietà antiche per una sensibilità nuova e contemporanea.

Bellone

Malvasia Puntinata

Abbuoto

Moscato di Terracina

Nero Buono

Client testimonials