#Rossini cocktail

La ricetta del cocktail Rossini con fragole, vino frizzante e zenzero

La ricetta del cocktail Rossini si basa su due ingredienti base: fragole e prosecco, La ricetta del cocktail Rossini che vi proponiamo è con vino frizzante, zenzero e fragole.

Nello scorso articolo, abbiamo parlato di come muovere i primi passi nella mixology con vino e cannella. In questo articolo, vi spieghiamo come fare il cocktail Rossini, un cocktail profumato con le fragole, la regina della frutta di stagione della primavera, per festeggiare insieme la fase due.

Abbiamo scelto il vino frizzante Riflessi della cantina Sant’Andrea, un vino che nasce dalla costa di Terracina, che unisce la brezza, il mare, frutta tropicale e fiori bianchi.

È un cocktail che unisce due anime: l’intensità di Malvasia e Trebbiano del frizzante Riflessi e il dolce sapore delle fragole, che amplifica l’esperienza del vino, accompagnandoti verso l’estate.

Storia e curiosità del cocktail Rossini

Strawberry sparkles significa “fragole con bollicine”: il classico cocktail Rossini nasce dalla migliore tradizione italiana, inventato da Giuseppe Cipriani, proprietario e capo bar del celebre Harry’s Bar di Venezia. Il nome Rossini è in omaggio al famoso compositore italiano Gioacchino Rossini, ed è una variante dei cocktail Bellini, Tintoretto e Mimosa.

Tutti questi cocktail hanno come base quella del prosecco, mentre nella versione di Strada del Vino ha scelto quello della Cantina Sant’Andrea.

Questo cocktail è ideale per donare quella giusta freschezza alla giornata: purea di fragole, vino bianco frizzante e un tocco di zenzero per aprire tutti i sensi.

Ingredienti per una persona

455 g di fragole mature

120 ml d’acqua

20 ml vino frizzante Sant’Andrea

due foglie di menta

una fettina di lime

un cucchiaino di zucchero (di canna o bianco a seconda dei gusti)

un cucchiaio di polvere di zenzero

cubetti di ghiaccio

Strumenti

Un bicchiere

Due cucchiaini

Un cucchiaio lungo

Un misurino

Come preparare un cocktail Rossini: ecco la ricetta

ricetta di Ambra Foffi (bar tender ISO9001:2008)

  • 1
    Prepara la purea di fragola – è molto semplice: taglia le fragole in pezzi irregolari e mettili nel frullatore insieme a un bicchiere d’acqua. Frulla finché non acquisiscono la consistenza di una purea, poi versa il contenuto in una ciotola.
  • Prendi due foglie di menta e sfregale delicatamente prima di metterle nel bicchiere (qualunque bicchiere con spazio sufficiente).
    2

  • 3
    Versare la purea di fragole, i cubetti di ghiaccio e un cucchiaio di zenzero.
  • Mescolare energicamente con il cucchiaio lungo.
    4

  • 5
    Copri il cocktail con 20 ml di vino della Cantina Sant’Andrea.
  • Aggiungi un pizzico di zenzero, se vuoi donare un sapore che contrasti con le fragole.
    6

  • 7
    Guarnisci con una fettina di lime e alcune foglie di menta secondo il proprio gusto.
  • Usa una cannuccia di PLA per gustare questo cocktail rinfrescante.
    8

Il cocktail Rossini con vino frizzante e fragole

Bevi responsabilmente.

Il vino di Terracina e le meravigliose spiagge a sud di Roma

Le vigne della cantina Sant’Andrea sono in un territorio straordinario: spiagge, acque cristalline e pianure incontaminate a sud di Roma dove il vino Riflessi frizzante prende la sua identità unica. Le uve di Trebbiano e Malvasia nascono alle pendici del Promontorio del Circeo, dove si fermò Ulisse per salvare i propri compagni trasformati in pòrci dalla maga Circe.

La Cantina Sant’Andrea è più spesso associata al Moscato di Terracina, un vitigno già conosciuto dagli antichi Romani e importato dalla Grecia.

La singolare storia della Cantina Sant’Andrea che dà origine alla nostra versione del cocktail Rossini parte dalla Tunisia – infatti, la Cantina Sant’Andrea nasce in realtà a fine Ottocento in Tunisia e, sotto la decolonizzazione, è costretta ad abbandonare il continente africano. Arriva così negli anni Sessanta in un terreno assolutamente nuovo: nelle pianure di Terracina, da molto tempo rimaste inutilizzate, per iniziare un’avventura che tuttora viviamo.

Cos’altro offre questo territorio? Scopri la bellezza!

This post is also available in: Inglese